NAZIONE TEMPLARE

Your Title Goes Here

.

19/03/2020: il brevetto europeo EP 1 694 829 B1, l’ennesima informazione sbagliata sul COVID-19

Il COVID-19, la malattia che sta mietendo migliaia di vittime e che sta contagiando il mondo intero, è ormai quotidianamente preda delle errate interpretazioni.

In questi giorni viene diffuso attraverso i social un brevetto (EP 1 694 829 B1) denominato “Nuovo ceppo di SARS associato al Coronavirus e sue applicazioni”.

Secondo alcuni, questo brevetto è la dimostrazione che già nel lontano 2004 alcuni ricercatori francesi conoscevano il virus SARS-CoV-2 e il vaccino per sconfiggerlo.

Quindi, sarebbe in atto un complotto da parte di qualcuno per diffondere deliberatamente il virus.

Non volendo discutere su chi ha diffuso la notizia, vogliamo soffermarci sul brevetto cercando di dare una spiegazione razionale.

Nel novembre 2002, nella provincia del Guangdong (Canton) in Cina, iniziò a diffondersi una forma atipica di polmonite molto grave denominata “Severe Acute Respiratory Syndrome”, abbreviata in SARS.

La malattia, identificata per la prima volta dal medico italiano Carlo Urbani (poi deceduto a causa della stessa), produsse un’epidemia lungo un arco temporale che andò dal novembre 2002 al luglio 2003, determinando 8096 casi e 774 decessi in 17 paesi (per la maggior parte nella Cina continentale e ad Hong Kong), per un tasso di letalità finale del 9,6%.

Questa malattia fu causata da un coronavirus (così chiamato per la sua apparenza al microscopio), che sul finire del 2017 gli scienziati cinesi rintracciarono nei pipistrelli, con gli zibetti quali vettori intermediari.

Il virus responsabile di questa malattia venne denominato SARS-CoV (ossia SARS associata al Coronavirus), a volte scritto anche SARS-CoV-1.

Dal 2004 non si sono più segnalati altri casi di SARS in alcuna parte del mondo.

Agli inizi del 2004 alcuni ricercatori dell’Institut Pasteur, del Centre National de la Recherche Scientifique (CNRS) e dell’Université Paris VII, tutti e tre di Parigi (Francia), iniziarono le ricerche per trovare un vaccino efficace contro il virus SARS-CoV.

Le ricerche iniziarono analizzando un campione di un paziente con SARS, elencato al numero 031589 ed eseguito all’ospedale francese di Hanoi (Vietnam).

Nel dicembre del 2004, i ricercatori depositarono il brevetto (EP 1 694 829 B1) di un vaccino candidato contro il virus SARS-CoV.

Il brevetto del 2004 descrive la scoperta del virus e quindi l’invenzione di una strategia vaccinale contro questo virus, non l’invenzione del virus stesso.

Inoltre, solo pochi laboratori al mondo sono in grado di ricreare artificialmente un virus.

Attualmente, la Francia, non dispone delle attrezzature necessarie per poter effettuare la genetica inversa, essenziale per rigenerare artificialmente un virus.

Questa tecnologia, creata negli anni ’80, consiste nel recuperare il virus da una copia del DNA del genoma dell’RNA.

Il nuovo coronavirus, chiamato SARS-CoV-2 e responsabile della malattia COVID-19, appartiene sicuramente alla stessa famiglia, ma ha poca somiglianza con SARS-CoV.

ISCRIVITI

nazione templare

 

RICHIEDI LA NAZIONALITA DELLA
NAZIONE TEMPLARE

Clicca Qui e compila il modulo  

Accreditamento UUN – Unrepresented United Nations

Clicca qui

Inno della Nazione Templare "Sorgi Templare"
Clicca sull'immagine

nazione templare

 

Questo sito è stato creato in modo